Fantacalcio Serie A
Squadra LECCE
Stemma LECCE

Storia del Lecce

Stadio Via Del Mare

Come raggiungere lo stadio

città Lecce

città Lecce


Lecce è una città di 95.000 abitanti, dell`Italia meridionale, capoluogo dell`omonima provincia situata in Puglia, nella parte più pianeggiante del Salento e nel cuore di un`area densamente urbanizzata, che conta oltre 400.000 abitanti.

Maggiore centro culturale della penisola salentina, sede dell`omonima arcidiocesi e di un`antica università, è posta a 11 chilometri dalla costa adriatica e a 23 da quella ionica.

Attiva nei settori dell`industria agricola (olio, vino) e della ceramica, è la città dove più elaborato è stato lo sviluppo dell`arte barocca in pietra leccese, un calcare malleabile e molto adatto alla lavorazione con lo scalpello.

Si parla, infatti, di "barocco leccese" e, per la bellezza dei suoi monumenti, la città è definita la Firenze del sud.

I Monumenti

La città di Lecce è nota per la ricchezza dei monumenti che la adornano, molti dei quali realizzati nel tipico stile barocco leccese. Significativi sono i fregi, i capitelli, i pinnacoli ed i rosoni che decorano molti dei palazzi e delle chiese della città (se ne contano oltre 40), come ad esempio il palazzo dei Celestini e l`adiacente Basilica di Santa Croce, nonché la chiesa di Santa Chiara ed il Duomo.

Il centro della città è racchiuso in mura di cinta risalenti al XVI sec., ma ormai in gran parte distrutte. La città presentava originariamente quattro porte di accesso: Arco di Trionfo (Porta Napoli), Porta Rudiae, Porta San Biagio e Porta San Martino. Di queste, purtroppo, l`ultima è crollata nel XIX sec.

Il salotto elegante di Lecce è Piazza Sant`Oronzo, in parte occupata dall`Anfiteatro romano del I-II secolo d.C, riportato alla luce all`inizio del Novecento. Nella piazza s`innalza la colonna con la statua di Sant`Oronzo, protettore della città.

Di fronte alla statua si trova l`armonioso palazzetto del Sedile, antica sede del Municipio, dove il sindaco riceveva la cittadinanza. Accanto a questo edificio, che unisce più stili, dall`arco ogivale gotico alla loggetta rinascimentale, fino alla colonna inglobata, tipica leccese, sorge la chiesetta di San Marco, importante testimonianza dell`esistenza di una colonia di mercanti veneti giunti in città per praticare attività commerciali.

All`interno della lunetta del portale del tempio spicca il leone alato, simbolo inequivocabile di Venezia. Un`altra testimonianza artistica che si affaccia sulla piazza davanti all`anfiteatro è la chiesa di Santa Maria delle Grazie.

Al centro della piazza vi è un mosaico che rappresenta lo stemma della città: la lupa con un leccio sullo sfondo.

Il Duomo

Collocato al centro della omonima piazza, il Duomo, tra i più belli d`Italia, fu costruito una prima volta nel 1144, poi nel 1230. Su richiesta dell`arcivescovo di Lecce, Luigi Pappacoda, il duomo fu completamente ristrutturato negli anni tra il 1659-70 da Giuseppe Zimbalo a cui si deve anche l`attigua torre campanaria alta 70 metri circa e suddivisa in 5 piani con finestre molto slanciate; termina con una loggia ottagonale.

Precedentemente a tali restauri l`area del duomo risultava "chiusa" infatti vi era un entrata chiusa, dove oggi vi è l`entrata nella Piazza del Duomo divenuta dopo tali lavori accessibile.

Il tempio possiede due prospetti, di cui il principale è quello a sinistra dell`episcopio, mentre l`altro guarda l`ingresso della piazza.

La facciata principale, piuttosto semplice sotto il profilo decorativo, si sviluppa in due ordini ove appaiono le statue, allogate in nicchioni, dei SS.Pietro e Paolo, di S.Gennaro e di S.Ludovico. La disposizione delle paraste scanalate fa intravedere che la chiesa è strutturata in tre navate.

Il prospetto secondario, invece, è ricco, esuberante. Si evidenzia il portale sovrastato da una balaustra; al centro, si innalza la statua di S.Oronzo mentre, in basso, due nicchie ospitano le statue dei SS.Giusto e Fortunato.

Il Duomo, a croce latina, ha 12 altari, oltre il maggiore, per la più parte del tardo Seicento, ed è ricco di opere pittoresche realizzate da valenti artisti, tra quali Giuseppe da Brindisi, Oronzo Tiso, Gianserio Strafella, G.Domenico Catalanoe G. A. Coppola.

La Cattedrale possiede una cripta del XII sec., rimaneggiata nel XVI con aggiunte barocche.

Collegamenti Stradali

La città è circondata da un anello tangenziale, con caratteristiche di superstrada. La mobilità verso nord è assicurata dalla Strada Statale 613 "Brindisi-Lecce", che prosegue per Bari integrandosi con la Strada Statale 16 Adriatica e con la SS 379, godendo così di ottimi collegamenti con la rete autostradale.

Verso sud si diramano due importanti arterie salentine con caratteristiche di superstrada: la Strada Statale 101 Salentina di Gallipoli e la Strada Statale 16 Adriatica nel tratto Lecce-Maglie. Inoltre è possibile raggiungere Taranto attraverso la Strada Statale 7 Via Appia.

Collegamenti ferroviari

I collegamenti ferroviari verso nord sono assicurati dalla stazione delle Ferrovie dello Stato, parte del circuito Centostazioni.

La stazione di Lecce è un importante snodo ferroviario della Puglia, punto finale della linea ferroviaria "Bari-Brindisi-Lecce".

Inoltre, il servizio locale è garantito dalle Ferrovie del Sud Est.

Quotazioni Fantacalcio Voti fantacalcio Regolamento Fantacalcio Squadre Fantacalcio
Notizie Calcio Squadre Serie A Calendario Serie A Classifica Serie A
Salute e Sport Classifica Fantacalcio Sfide Fantacalcio Rss Calcio