Fantacalcio Serie A
Salute > Il Rugby
La nascita di questo sport risale al 1823, quando uno studente di un college della cittadina inglese di Rugby, William Webb Ellis, durante una partita di calcio si mise a correre con il pallone fra le mani verso la porta avversaria.

Nel 1871 venne costituita la Rugby Football Union, la prima associazione ufficiale di rugby, che introdusse l`uso della palla ovale ed ebbe il compito di stabilire le regole per lo svolgimento dei tornei.

Da quel momento il gioco del rugby si diffuse in tutto il Regno Unito e nel resto d`Europa.

Fu ammesso una prima volta alle Olimpiadi di Parigi del 1900.

In Italia nel 1928 venne fondata la Federazione italiana rugby e l`anno seguente si disputò il primo campionato italiano, vinto dall`Ambrosiana di Milano.


Il rugby si gioca su un campo rettangolare, solitamente erboso, delimitato dalle linee di meta e dalle linee laterali (linea di touche).

Le dimensioni dei campi di gioco sono, per la serie A e B, di 95-100 metri di lunghezza (da porta a porta) per 66-69 metri di larghezza; per la serie C, per i campionati under 20, under 18 e under 16, di 80 metri (lunghezza da porta a porta) per 58 metri.

La porta, situata al centro della linea di meta, è a forma di H ed è costruita da due montanti uniti a circa 3 metri di altezza da una sbarra orizzontale lunga 5,6 metri.


Il rugby si gioca con un pallone di forma ovale con le seguenti dimensioni: lunghezza dell`asse maggiore 28-30 cm; circonferenza massima di 76-79 centimetri. Il peso della palla è di 400-450 grammi.


Nel rugby si affrontano due squadre composte ciascuna di 15 giocatori, che si possono suddividere in tre gruppi: il primo gruppo è formato da 8 avanti, il secondo da 5 giocatori delle linee arretrate o tre quarti, fra i quali è compreso l`estremo, il terzo dai mediani (di mischia e di apertura), che funzionano da raccordo fra le linee.

Durante un incontro di rugby possono essere sostituiti 6 giocatori per squadra. Il giocatore sostituito non può rientrare in campo. Da qualche anno è stata inserita la sostituzione temporanea in caso di sanguinamento.


La partita è divisa in due tempi di 40` ciascuno con un intervallo di 5` (nel campionato italiano); per i tornei scolastici e per le categorie inferiori, i tempi variano dai 15 ai 35`.

Scopo del gioco è di portare la palla o di calciarla appoggiandola per terra al di là della linea di meta degli avversari.

Durante l`azione di gioco il pallone può essere passato con le mani solo all`indietro, ma può essere calciato in avanti, e in ogni caso deve essere preso da un compagno di squadra che al momento del calcio si trovava in posizione arretrata rispetto al giocatore che ha calciato la palla.

Ne risulta perciò che nella fase di attacco di una squadra tutti i giocatori devono trovarsi in posizione arretrata rispetto al possessore di palla, pena il fuorigioco.

A questo gioco si può giocare solo stando in piedi, appena un giocatore è a terra il pallone deve essere lasciato, pena un fallo detto tenuto a terra che comporta un calcio di punizione.

Nella fase di difesa, la squadra che non è in possesso di palla deve placcare o bloccare l`avversario, afferrandolo alle ginocchia o alla vita.

I punti vengono assegnati come segue:

5 punti per la meta;

2 punti per la trasformazione (segnatura su calcio piazzato da una posizione di fronte alla porta perpendicolare al punto dell`area di meta in cui è stato deposto il pallone, indirizzato tra i pali della porta al di sopra della traversa, concesso dopo aver segnato una meta;

3 punti per un calcio di punizione (sempre indirizzato tra i pali della porta e decretato dall`arbitro in seguito a un fallo) e per un drop, cioè con calcio di rimbalzo, quando il giocatore lascia cadere il pallone in corsa e sul rimbalzo lo calcia attraverso i pali.

In caso di fallo intenzionale l`arbitro assegna un calcio di punizione, mentre a seguito di infrazioni minori e non intenzionali è prevista la mischia ordinata.

Alla mischia ordinata prendono parte gli avanti delle due squadre che, disposti gli uni di fronte agli altri, si legano con le braccia, abbassando la testa e inclinando il busto spingendosi contro gli avversari spalla contro spalla.

Perché la mischia ordinata sia valida, si deve far uscire il pallone con i piedi dalla propria parte, per cui si deve accompagnare con il piede il pallone indietro: questa azione prende il nome di tallonaggio.

Altra situazione particolare di gioco è la rimessa laterale o touche.

La squadra che ha provocato l`uscita del pallone si dispone in modo simmetrico rispetto all`altra lasciando un corridoio di 1 metro.

Il lanciatore della squadra avversaria lancerà la palla sulla linea mediana che divide i due schieramenti; i giocatori delle squadre cercheranno di impossessarsi del pallone in una contesa aerea per iniziare una fase di attacco.

I raggruppamenti sono momenti dinamici del gioco e derivano o da un gioco in penetrazione o da una scelta tattica per riproporre il gioco.

I raggruppamenti sono due:

il maul (pallone in mano), usato specialmente in fase difensiva;

la mischia spontanea o ruck (pallone a terra), usata principalmente in fase di attacco.


Poiché nel rugby è previsto il contatto fisico con l`avversario, questo sport richiede in chi lo pratica spirito di lealtà e rispetto, in modo che che non si generino azioni violente o risse fra i giocatori.

Ogni protesta nei confronti dell`arbitro viene sanzionata con la perdita del terreno. Il gioco è diretto da un arbitro coadiuvato da due giudici di touche (segnalinee).

L`arbitro può fermare il gioco:

quando viene commesso un fallo,

per risolvere fasi di gioco confuse,

per falli laterali,

per fuorigioco.

^ torna su

Calcio e salute sportiva
Quotazioni Fantacalcio Voti fantacalcio Regolamento Fantacalcio Squadre Fantacalcio
Notizie Calcio Squadre Serie A Calendario Serie A Classifica Serie A
Salute e Sport Classifica Fantacalcio Sfide Fantacalcio Rss Calcio