Fantacalcio Serie A
Salute > Sport estremi: Paracadutismo e Deltaplano
Parlare di sport estremi e subito il più celebre: il lancio in paracadute.

Il primo disegno di un paracadute risale al 1514 e ne troviamo traccia in alcuni disegni di Leonardo da Vinci.

Inizialmente fu impiegato in ambiti militari, per il lancio delle truppe in zone non adatte all`atterraggio dei velivoli.

Il paracadutismo si intende l`attività, sportiva o militare, del saltare nel vuoto da quote ragguardevoli, di solito da un`aereo o un elicottero, utilizzando poi un paracadute come strumento per rallentare la caduta e consentire un atterraggio sicuro.

Oltre al paracadute principale e quello ausiliario è necessario indossare tuta, guanti, casco, occhialini e scarpe ginniche.

Con le dovute precauzioni e controlli non è assolutamente uno sport rischioso.

Il paracadute è dotato di un sistema di apertura automatica.

In Italia ci sono diverse scuole che permettono la possibilità di avvicinarsi a questo sport così adrenalitico.

Come ogni altro tipo di sport gli incidenti che si possono verificare sono causati dall`errore umano.


Il Deltaplano

E` una specialità del volo libero senza motore e prende il nome dalla forma a delta dell`attrezzo.

E` uno sport individuale, non olimpico e viene praticato generalmente sui rilievi montani e collinari, ma anche nelle grandi pianure, sfruttando le principali tecniche di decollo al traino di un delta motorizzato, di un ultra leggero o di un verricello fisso.

La pratica del deltaplano consente all`uomo di librarsi in aria senza l`ausilio di un motore.

Decollati da un pendio che presenti un`inclinazione ed un`esposizione ottimali al vento, si percorre la distanza che ci separa dal punto di atterraggio scendendo sempre rispetto all`aria.



^ torna su

Calcio e salute sportiva
Quotazioni Fantacalcio Voti fantacalcio Regolamento Fantacalcio Squadre Fantacalcio
Notizie Calcio Squadre Serie A Calendario Serie A Classifica Serie A
Salute e Sport Classifica Fantacalcio Sfide Fantacalcio Rss Calcio